WWII

Okinawa


US Army tank, Okinawa, Ryukyu Islands, Giappone 21 aprile 1945 – Foto W. Eugene Smith.

In questi giorni cade il 75° anniversario della fine della battaglia di Okinawa. La data ufficiale è il 22 giugno ma fino al 30 dello stesso mese ci furono rastrellamenti nel sud dell’isola.  

Per gli americani Okinawa è l’ultimo ostacolo prima del suolo giapponese, per i giapponesi l’ultima battaglia prima dell’invasione della madre patria. La battaglia fu molto dura, ci furono quasi duemila azioni suicide giapponesi.

La durata di 80 giorni della battaglia e l’alto numero dei caduti militari americani (35% dei soldati impegnati) dovuto alla strenua resistenza giapponese furono tra le cause della decisione americana di usare la bomba atomica su Hiroshima.

Nella foto di W. Eugene Smith, un carro armato Sherman dell’esercito americano modificato usa un lanciafiamme per scovare le posizioni giapponesi.

Un commento

  • Marina

    Ma quanto sono stupidi gli uomini! Non sanno far altro che Guerre! Alla fine è tutto inutile, muoiono migliaia di uomini invece di trattare la pace. I giapponesi strenui difensori fino alla morte, gli americani usano le bombe atomiche : che hanno concluso? Tutto poi resta come prima. Guadagnano solo chi produce le armi!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *